Stefano Cucchi Onlus

Cucchi, 19 ottobre: la rivelazione

Lunedì 19 ottobre. Da due giorni, ormai, (Stefano ndr) è steso sulla pancia. Immobile. Completamente coperto da un lenzuolo. E’ esasperato dal dolore, evidentemente, e dall’immobilità.

Alle 13:15 era arrivato il pranzo, (…) l’infermiera Porcelli era rimasta colpita dalla presenza sul comodino di quattro bottigliette di acqua, ciascuna con la propria cannuccia. E tutte consumate a metà: (…) “ ‘Non tocchi quelle bottiglie’, provai a capire il perché di quella stranezza. Di farsi consegnare ogni volta una nuova bottiglietta lasciando a metà le altre. E lui mi rispose che non si fidava. Voleva bottiglie nuove e chiuse ogni volta, perché era stato picchiato dai carabinieri e quindi aveva paura. Gli dissi che lo avrei invitato a ripetere quello che mi aveva appena detto davanti a un agente di custodia, ma lui si rifiutò”. Picchiato dai carabinieri.

tratto da “Il Corpo del reato”, Carlo Bonini, Edizioni Feltrinelli, 2016.

Condividi  Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone