Stefano Cucchi Onlus

“Donna dell’anno”: un titolo che condivido con tutte le donne che cambiano il mondo

L’emozionante e inaspettato titolo di ‘Donna dell’anno’ lo voglio condividere con tutte le donne che ogni mattina si svegliano. Tutte coloro che ogni giorno si rimboccano le maniche. Che preparano la colazione per iniziare con i propri affetti un’altra giornata, per dir loro con gli occhi ancora semichiusi ‘Ti voglio bene’. A quelle che corrono dalla mattina alla sera per guadagnare quel tanto che basta per pagare le bollette e il mutuo. Ma che trovano sempre il tempo di esserci per i figli, per la scuola, per la danza, per la musica, per una chiacchierata e per una carezza data loro quando meno se l’aspettano.

A quelle che in macchina, bloccate nel traffico, ridono da sole mentre organizzano una sorpresa per il proprio uomo, tra una faccenda e l’altra, immaginando il sorriso che gli strapperanno. A quelle che non dimenticano mai il compleanno della migliore amica e la telefonata della buonanotte a mamma e papà. A quelle che fanno ogni piccolo gesto sapendo che stanno dando agli altri un po’ di se stesse. E si danno con il cuore. A quelle che non si aspettano nessun grazie e a quelle che non lo riceveranno mai. A quelle che arrivano a sera stanche ma non lo danno a vedere e vanno a dormire organizzando mentalmente la prossima giornata.

A tutte quelle donne che nel loro piccolo e nel loro quotidiano ‘cambiano il mondo’.

Questo titolo lo dedico a tutte le donne normali come me, che magari non lo sanno ma con la propria normalità fanno la differenza per chi divide la vita con loro.

Condividi  Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone