Stefano Cucchi Onlus

Cucchi, 20 ottobre: “rifiuto informato”

La situazione clinica sta precipitando. E ne ha un’avvisaglia la Dott.sa Bruno durante la visita di routine. “Decisi di drammatizzare un po’ la situazione e non è che dissi ‘Se tu non fai la flebo muori’. Ma certo gli spiegai quali erano i rischi per la sua salute. Che era necessaria una terapia di endovena idrica. Lui mi rispose: ‘A me non frega un cazzo se crepo’.” Curiosamente, di questa conversazione con Stefano, la Dott.sa Bruno non annota nulla nella cartella clinica, dove non esiste traccia di questo rifiuto informato.

La notte è di turno il Dott. De Marchis. A cui non sembra che la situazione evolva al peggio, al contrario. “Passai a salutare Cucchi, che bevve di fronte a me. (…) Al mattino vidi dagli esami che c’era stabilità emodinamica. (…) Constatai che Cucchi beveva.”

tratto da “Il Corpo del reato”, Carlo Bonini, Edizioni Feltrinelli, 2016.

Condividi  Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone